L’Italia vuole la leadership diplomatica sulla Libia

libia-crisi

Renzi punta a un ruolo chiave per evitare un intervento militare   La Libia è uno dei Paesi più nevralgici all’interno dello scacchiere arabo contemporaneo e allo stesso tempo uno dei più prossimi non solo all’Europa, ma all’Italia stessa. Il governo italiano lo sa e ha ingaggiato la sfida internazionale di proporre all’ONU una via diplomatica per risolvere la crisi … Continue reading

L’esodo dei migranti. Periferia d’Europa e cuore dell’UE

IMG_4505

Per alcuni è la luce della sopravvivenza, per altri la vocazione del proprio lavoro, per alcuni un gesto solidale, per altri un forte pretesto politico per ottenere consensi. L’esodo dei migranti ricorre come tema politico nel paradiso europeo del lavoro e del benessere, della libertà e della democrazia. Il bacino del mar Mediterraneo non è nuovo agli incontri culturali, al … Continue reading

Mariupol riconquistata dagli Ucraini, armi russe ai separatisti

20140614-083235-30755747.jpg

Prosegue la battaglia tra l’esercito ucraino e i separatisti filorussi che sta ormai sfociando e degenerando in un conflitto civile. Sebbene i separatisti abbiano abbattuto un altro aereo nazionale con 49 persone a bordo, la città di Mariupol, nella regione di Lugansk è stata nuovamente riconquistata dall’esercito nazionale. Il presidente Petro Poroshenko, che la scorsa settimana dava agli sgoccioli gli … Continue reading

Crisi in Iraq, Islamisti e Sunniti all’attacco

20140613-085302-31982433.jpg

Fa crescere la tensione e preoccupa non solo il Medio Oriente la nuova destabilizzazione della società irachena, con una crisi che fa tornare il Paese a nefasti precedenti. L’Iraq, governato dagli Sciiti da circa nove anni dopo il conflitto che vide coinvolte anche le forze statunitensi, è ora scosso dalla rivolta dei Sunniti e dalla maggior parte degli Islamisti che … Continue reading

Gli Svizzeri chiudono agli immigrati. “Non possiamo permetterceli”

50,3%, 19mila voti, il maggiore consenso nel Canton Ticino “italiano”. In Svizzera passa il referendum di chi vuole alzare le barriere e porre dei tetti agli immigrati dell’Unione Europea. Una circolazione di capitale umano che la Confederazione elvetica non può permettersi, nonostante la disoccupazione sia del 3,5%, nonostante l’inattaccabile e il solidissimo sistema bancario nazionale. Un risultato che raccoglie lodi … Continue reading